Location • Convegno AGI 2017

Sede del Convegno: Torino

Di Torino colpisce soprattutto la compostezza del suo skyline circondato da imponenti vette alpine. Il capoluogo piemontese si presenta come una città dal fascino unico, dove sono passati imperatori, sono nati regni, in cui il potere ha lasciato segni indelebili. Torino è oggi una metropoli che guarda al proprio passato puntando al futuro con l'ambizione di una città che da piccolo villaggio pedemontano è divenuta la capitale di un regno e di una nazione, per poi trasformarsi in capitale del cinema e dell'automobile e oggi si ripresenta al mondo sotto una nuova veste capace di attrarre il turismo e diventare una sede tra le più importanti per l’organizzazione di Convegni e Meeting nazionali ed internazionali.

Torino è la città più profonda, più enigmatica, più inquietante, non d'Italia ma del mondo.
Giorgio De Chirico, pittore
ITC ILO CENTRO INTERNAZIONALE DI FORMAZIONE

Il Centro si è trasformato a poco a poco in un polo di perfezionamento e specializzazione; i corsi si svolgono a Torino, nei Paesi di provenienza dei partecipanti oppure online.
Il Centro offre formazione e servizi mirati a rafforzare le risorse umane e le competenze istituzionali; allo stesso modo il Centro si impegna nel raggiungimento dell’obiettivo dell’ILO di un lavoro dignitoso per tutti.

Mappa centro internazionale di formazione

Legenda:

  • 1 Sale workshop
  • 2 Tensostruttura
  • 3 Sala Piemonte
  • 4 Sala Oceania
SEDI WORKSHOP

Le sale

I diversi edifici sono disposti in cinque gruppi che rappresentano i cinque continenti:
America, Africa, Asia Europa e Oceania.

Aule concepite appositamente per rispondere allo scopo del centro, cosi come un’attrezzatura modernissima, contribuiscono a ottimizzare l’apprendimento e la condivisione delle conoscenze.

Un nuovo complesso di condivisione delle conoscenze in seno al Sistema delle Nazioni unite. Questo nuovo Centro di Conferenze è destinato ad accogliere le conferenze, i seminari, i laboratori e gli eventi multimediali organizzati dal Sistema delle Nazioni Unite e da altre istituzioni.

Ulteriori attrezzature per conferenze

  • 30 aule che hanno una capienza da 20 a 350 posti, sette dotate di attrezzature per l’interpretazione simultanea e quattro di un dispositivo di videoconferenza.
    Tutte le aule sono equipaggiate con Internet, dispositivi elettronici di presentazione, diaporama e attrezzature video.

  • Laboratorio informatico

  • Sala videoconferenze

  • Uffici e aree di esposizione

  • Tutte le aule e gli uffici sono dotati di connessione Internet

Sale
ITC ILO

Sede
Gala Dinner

Museo dell'automobile Torino, sede Gala Dinner Convegno AGI 2017

Cena di Gala
Costo per persona:
90,00 €

Cena di Gala: info e prenotazione
SEDE DELLA CENA DI GALA

Museo dell'automobile

Il Museo dell’Automobile nasce nel 1932 da un’idea di due pionieri del motorismo nazionale, Cesare Goria Gatti e Roberto Biscarettiì di Ruffia (primo Presidente dell’Automobile Club di Torino e tra i fondatori della Fiat), e figura tra i più antichi Musei dell’Automobile del mondo.
Fu Carlo Biscaretti di Ruffia (figlio di Roberto), aristocratico torinese nato nel 1879, a legare indissolubilmente il proprio nome al Museo Nazionale dell’Automobile di Torino: in quanto fu lui ad idearlo, radunarne la collezione iniziale, battersi per farlo nascere e adoperarsi tutta la vita per dargli una sede dignitosa. Carlo Biscaretti ne fu anche il primo Presidente e alla sua scomparsa, avvenuta nel settembre del 1959, il Consiglio di Amministrazione deliberava di intitolare a suo nome il Museo che veniva poi solennemente inaugurato il 3 novembre 1960.
Questo è l’unico Museo Nazionale del genere in Italia, ospitato nella sede progettata dall’Architetto Amedeo Albertini, sulla sponda sinistra del Po, a poca distanza dal Lingotto; rappresenta uno dei pochi edifici costruiti appositamente per ospitarvi la collezione di un Museo e costituisce anche un raro esempio di architettura moderna.
Questo Museo vanta una delle collezioni più rare ed interessanti nel suo genere, quasi 200 automobili originali, dalla metà dell’800 ai giorni nostri, di oltre ottanta marche diverse, provenienti dall’Italia, Francia, Gran Bretagna, Germania, Olanda, Spagna, Polonia e Stati Uniti.

Scopri il museo: museoauto.it